senti ma parliamo di….

abbigliamento, cosmetica , viaggi, casa, fitness …


4 commenti

Un occhio allo sguardo

Alber Elbaz,  dal 2001 direttore creativo di Lanvin, ha cominciato la sua collaborazione con la casa cosmetica Lancome.

image

Ha voluto trasferire la sua ironia e sapienza nel vestire una donna, anche sulla sua bellezza rendendo gli sguardi femminili piu’ sorridenti.

image

E voila’ la collezione Lancome Hypnose Show by Alber Elbaz di cui fanno parte I mascara bestseller:
● Hypnose Star Eyes
● Doll Eyes
● Hypnose
● Hypnose Drama

image

Molto colarata l’ immagine (poiche’ e’ sempre gradevole avere in borsetta un oggetto carino da esibire e al tempo stesso da vedere) piacevoli da indossare ,fanno sentire bella e quindi rendono felici.

image

E’ una collezione giocosa ma anche hi- tech, infatti nella formulazione dei mascara sono stati aggiunti dei nuovi pigmenti che rendono gli occhi piu’ grandi e luminosi, sono tutti nero intenso e cercano di soddisfare ogni esigenza:
● volumizzante
● allungante
● incurvante
Prezzo circa € 39 in ed.limitata in vendita dal 15 giugno 2013.
Da non perdere☆☆

image

image

Annunci


4 commenti

Fring

image

Trovo geniali certi tipi di anellini da piede a cui ho dato un nick name: “fring” ( ho preso l’ iniziale di foot e l’ ho mixata con ring) che aggiungono carattere al nostro piede facendo risaltare maggiormente l’ unghia smaltata, ma anche quella naturale.

image

I miei favoriti pero’, sono quelli con filo elasticizzato trasparente poiche’ si adattano ad ogni dito, sono belli da vedere perche’ il filo scompare e sembra che, come per magia, il soggetto sia appoggiato al dito o incollato sopra e for the last but not the least, sono talmene leggeri che alle volte mi dimentico di toglierli. (cosa che non si puo’ certo dire degli anellini rigidi spessi e chiusi)

image

image

image

Un’ alternativa valida al filo trasparente e’ un altro tipo di anello e cioe’ quello molto fine e aperto: non da noia, e’ regolabile e abbastanza leggero.
Io poi, questi fring li uso anche per le dita delle mani, mi piace quando un oggetto diventa multiuso e devo dire che anche sul dito della mano l’ anellino con brillantino e filo trasparente, fa sempre la sua bella….figura, insomma in poche parole fa fine e non impegna!!

image

image

image

image

image

image

image

image

image


6 commenti

Stampante 3D Scienza e Medicina

image

Notizia sensazionale che mi piacerebbe condividere con voi: la creazione di organi artificiali che possano ridurre le lunghe attese per le persone in procinto di trapianto e anche eventuali possibili rigetti, potra’ ( si spera presto) diventare realta’.
La scoperta piu’ recente e’ stata compiuta grazie al lavoro dei ricercatori della Organovo e alla piattaforma Novogen Bioprinting, riguardante una stampante 3D per materiale biologico che e’ in grado di realizzare fino a 20 strati sovrapposti di epatociti e cellule stellate, ossia I due principali tipi di cellule che costituiscono il fegato.

image

Stampante 3D

image

Per cui la stampante aggiunge le cellule che formano I vasi sanguigni creando una rete di canali che fornisce alle cellule del fegato, l’ ossigeno e I nutrienti , permettendo al tessuto di vivere per circa 5 giorni.
Il risultato e’ un mini-fegato funzionante poiche’ capace di produrre colesterolo e proteine e anche metabolizzare l’ alcool.
Il minifegato e’ largo 4 millimetri e spesso mezzo millimetro, effettivamante ancora un po’ piccolo per un trapianto, ma comunque sufficiente per poterlo utilizzare ai fini di ricerca medica.
Infatti il minifegato in 3D permette di eseguire I test con una precisione superiore a quella garantita dalle colture 2D e vive anche piu’ tempo di queste ultime.
Ma l’ obbiettivo, nel tempo, di Organovo rimane quello di stampare un fegato di dimensioni normali e adatto per il trapianto che, pero’, necessitera’ di una tecnica in grado di stampare reti di vasi sanguigni di dimensioni adeguate.
Ci auguriamo che, grazie alla ricerca e alle persone che ne dedicheranno il loro tempo, tutto cio’ si possa realizzare nel piu’ breve tempo possibile…e un GRAZIE enorme al connubbio scienza/tecnologia always together♡♡♡♡♥

image

image

image

image

image

image


4 commenti

Something in the H…air

image

Corti, lunghi, rossi, ricci, ondulati, lisci, cotonati, decolorati, con 3 o piu’ toni di colore,  con colpi di sole e ancora di piu’…si sa noi donne curiamo molto I nostri capelli cercando di garantire alla capigliatura un percorso sano e comodo adatto ad ogni proprio singolo stile di vita.

image

Particolare attenzione viene dedicata alla scelta del taglio e del colore che deve essere pratico da gestire, (per questioni di tempo, manualita’ economiche, sportive ecc) ma anche cool, che rispetti il nostro essere senza stravolgere to much la nostra personalita’, ma soprattutto da poter trattare con prodotti che non stressino il capello ( anzi che lo proteggano rinforzandolo senza aggredirlo).

image

image

Diversi I motivi che ci portano dal parrucchiere: cambiare look, una semplice piega, testare un nuovo colore, ahime’ coprire I capelli bianchi, (solo all’ occorrenza!) colpi di sole un po’ fuori dall’ ordinario, provare la tecnica scuro/ chiaro e in base all’ umore….altro ancora!!!

image

image

image

image

image

Be’ per chi magari e’ un po’ indeciso sul da farsi o per avere facilmente a portata d’ occhio qualche esempio di possibile hair chosen,  vi propongo in queste immagini, some cute styling…a voi la scelta anche solo per prenderne qualche spunto per poi rivisitarlo e personalizzarlo a proprio piacimento!!♡♡♡

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image


2 commenti

What I Might Do by Ben Pearce

image

” What I might do” nonostante non sia una nuova canzone ( ormai  arrivata in Italia a Gennaio 2013) per me e’ sempre piacevole ascoltarla.

image

Ben Pearce e’ un d.j. produttore britannico e questo brano di musica housr deep,  e’ cantato da un vocalist americano di nome Anthony Hamilton, che ricorderete in Django Unchained cantare ” Freedom”.
Belli anche I vari remix and….enjoy with this sound☆☆☆♡


8 commenti

Cuffia o bustina?

image

Volevo regalarvi una piccola idea che mi e’ venuta qualche giorno fa riguardo la classica cuffia da piscina…be’ questa e’ una di quelle meno tristi delle solite normalissime, leggerissime che  strappano tutti I  capelli e che solitamente si comprano all’ ingresso delle piscine poiche’ non ci si puo’ immergere in vasca (per questioni igieniche) senza.
La cuffia in lattice e gomma che sto per proporvi, e’ fiorata e molto colorata e mentre me la stavo misurando ho pensato che sarebbe stata utile e spiritosa trasformarla In una bustina portatutto.

image

image

Cosi’ ho fatto, dopo varie prove ho trovato due soluzioni pratiche e realizzabili facilmente:
■ comperare una cerniera della misura della circonferenza di meta’ cuffia e cucirla nei due lati (data la consistenza del materiale ci vuole un ago sia della eventuale macchina da cucire, sia di quello a  mano, un po’ spesso e grande)

■ oppure se non si ha voglia di cucire o non si trova l’ ago adatto, si puo’ usare la cuffia come involucro per un’ altra semplice ( e magari minimal o una che ci hanno regalato e poi non e’ che ci piaccia un gran che..) che gia’ possediamo e mettiamo la ” vecchia” dentro la cuffia a fiori,  donandole cosi’ un nuovo look ah…importante e’ che la misura della bustina che gia’ abbiamo sia  quasi grande come la cuffia cosi’ si incastra bene ed il gioco e’ fatto!!!!

image

image

Un’ ultima chance e’ quella di indossarla come cappellino da giorno!!!

image

Troppo crazy??? Ma si divertiamoci un po’!!!!

image

E….facciamo divertire anche gli altri!!!


7 commenti

Intero e’……donna

image

image

image

Fino al 1870 le bagnanti raccoglievano I capelli in una cuffia ” rinascimentale ” e il costume da bagno, altro non era che un abito composto da gonne sovrapposte , per cui si entrava in acqua interamente vestite.

image

image

Alla fine dell’  ‘800, l’ abito da bagno ” si accorcia”, non arriva piu’ fino a terra e per questo motivo vengono create per le gambe delle calze speciali, mentre per I piedi delle calzature con suola in cuoio forato.

image

image

image

Dal ‘ 900 al 1920, I costumi da bagno cominciano a diventare meno casti come taluni disegnati da Erte’ che si ispiravano a quelli teatrali.

image

Nel 1930 vi e’ l’ introduzione del primo tessuto elasticizzato con filo di lattice di gomma e I primi produttori leader furono gli americani: Jantzen, Catalina e Cole dopodiche’ anche in Italia, arriva il costume intero scollato che lascia nude gambe e braccia, per poi ( con l’ evolversi della moda) anno dopo anno, arrivare ai giorni nostri e arricchire la gamma di modelli che oggi troviamo ovunque: bikini, trikini, tanga, brasiliani….
La scelta tra I costumi rimane sempre la stessa: bikini o intero? E solitamente si opta per il due pezzi cosi’ ci si abbronza di piu’, asciuga prima, non lascia la pancia bianca…ma e’ inutile negarlo, il primo costume da donna e’ stato l’ intero!

image

Il problema dell’ abbronzatura,  comunque,  si puo’ risolvere indossandolo quando gia’ la nostra carnagione e’ dorata, alternandolo al bikini o quando la giornata non e’ particolarmente soleggiata e concedersi il piacere di essere comode, sexy, ( alle volte smagrisce anche regalando more confident) con quel tocco di classe in piu’ .

image

image

Grazie agli stilisti anche il costume intero si e’ modernizzato: dimensioni ridotte, forme nuove, vasta scelta di colori e fantasie, tessuti+tecno innovativi e diversi stili per tutte le forme e le taglie.

image

image

image

image

Io adoro Il bikini, ma nella mia valigia non mancano mai due interi perche’ , sia in spiaggia che alla sera come top, durante la vacanza li Indosso sempre!
E voi di che costume siete.. intero o due pezzi??

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image

image